Notizia del 06/05/2015

Con il 1° maggio 2015 è entrata in vigore la nuova indennità di disoccupazione NASpI che sostituisce la vecchia ASpI. Copre tutti i lavoratori subordinati compresi gli apprendisti e i soci delle cooperative.

Cerca nel sito

Parole chiave

Tipologia



Anni











Nuova indennità di disoccupazione in vigore dal 1 maggio 2015

Con il 1° maggio 2015 è entrata in vigore la nuova indennità di disoccupazione NASpI che sostituisce la vecchia ASpI.

Copre tutti i lavoratori subordinati compresi gli apprendisti e i soci delle cooperative.

Sono esclusi i dipendenti delle pubbliche amministrazioni e gli operai agricoli a tempo determinato o indeterminato.

Requisiti:

1. aver perso involontariamente il posto di lavoro

a) licenziati per giusta causa, per giustificato motivo soggettivo o per giustificato motivo oggettivo;

b) dimessi per giusta causa;

c) aver risolto consensualmente il rapporto di lavoro nell'ambito della procedura conciliativa prevista dall'art. 7 della Legge n.    604/1966 (c.d. tentativo di conciliazione obbligatoria).

2. poter far valere nei 4 anni precedenti l'inizio del priodo di disoccupazione almeno 13 settimane di contribuzione;

3. poter far valere 30 giornate di lavoro effettivo a prescindere dal minimale contributivo, nei 12 mesi che precedono l'inizio del periodo di disoccupazione.

Durata:

La NASpI sarà corrisposta per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi 4 anni.

Ai fini del calcolo della durata non sono computati i periodi contributivi che hanno già dato luogo ad erogazione delle prestazioni di disoccupazione.

Dal 1° gennaio 2017 la NASpI sarà corrisposta per un massimo di 78 settimane.

Domanda:

La domanda per l'ottenere la NASpI dovrà essere fatta a pena decadenza, esclusivamente con modalità telematica, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.